Chiamaci 0541 21921

COMPRARE CASA SU CARTA: IN ARRIVO NUOVE TUTELE

Comprare casa “su carta”, ossia direttamente dal costruttore e nella fase in cui l’immobile è ancora in via di progettazione e costruzione, ha diversi vantaggi: prima di tutto ci si garantisce la proprietà di un’abitazione ad alta prestazione energetica, viste le normative vigenti in materia di nuove costruzioni che impongono elevati standard di efficienza. In secondo luogo, molto spesso, l’acquirente avrà la possibilità di disegnare la propria casa sulla base delle esigenze personali, potendo ripensare in fase progettuale alla distribuzione interna dei locali.

Ma chi acquista immobili da costruire deve tutelarsi da eventuali problemi legati alle imprese, che potrebbero incappare in spiacevoli situazioni proprio durante i lavori. Esistono già due modalità che difendono il compratore e, da pochissimo, ne è stata aggiunta una terza che garantisce ancora maggiori garanzie.

Le tutele già in vigore

Le due modalità con cui, fino ad oggi, si è tutelato chi acquista un immobile in fase di progettazione o costruzione, hanno per oggetto la fideiussione e la polizza assicurativa che devono fornire le imprese.

Il costruttore deve procurare e consegnare all’acquirente una fideiussione bancaria pari alle somme che ha già riscosso e riscuoterà prima della compravendita effettiva. In questo modo, qualora durante i lavori l’impresa dovesse entrare in una situazione di crisi, l’acquirente riceverà indietro quanto versato. Ciò accadrebbe, ad esempio, in caso di pignoramento dell’immobile, per un eventuale stato di insolvenza o fallimento.

Per quanto riguarda la polizza assicurativa decennale, il costruttore deve fornirla all’acquirente con decorrenza alla data della fine dei lavori, in modo da poter coprire eventuali danni all’immobile e difetti di costruzione, verificati anche in tempi successivi all’atto di compravendita.

La nuova legge

La legge delega, approvata di recente dal Senato, che modifica la legge fallimentare fornisce a chi compra un immobile su carta un’ulteriore garanzia. Per agevolare i notai nel controllo degli adempimenti delle imprese costruttrici, infatti, ogni contratto andrà stipulato sotto forma di un atto pubblico o scrittura privata autenticata. Nel caso in cui non venisse fornita la polizza, l’accordo sarà annullato.

 

Fonte: Immobiliare.it