Chiamaci 0541 1523 958

Come trasformare una mansarda in camera da letto

Quando pensiamo ad una mansarda ai più viene subito in mente un ambiente angusto, da utilizzare soltanto come ripostiglio. Si tratta invece di una concezione sbagliata, in quanto rappresenta una tipologia di struttura molto richiesta, proprio per le sue caratteristiche che la rendono un ambiente elegante e silenzioso.

La prima cosa da sapere, e da fare, è di valutare gli spazi e le altezze, in quanto per legge le altezze minime dal pavimento al soffitto sono indicate in speciali tabelle che interessano i diversi comuni italiani. Non esiste una differenza abissale da comune a comune, ma è importante rendere “abitabile” il sottotetto per evitare che sorgano problemi legati alla salute.

Se desideriamo ricavare una camera da letto da una mansarda è inoltre importante assicurare il giusto apporto di aria e i luce all’ambiente ovvero rispettare le proporzioni tra finestre e lucernari previsti per legge. Queste regole mirano ancora una volta ad assicurare che l’ambiente risulti salubre e col giusto ricambio d’aria.

Troppe difficoltà? Non scoraggiatevi poiché le soluzioni d’arredo sono davvero molte, e tutte ideali per ottimizzare gli spazi disponibili. Con un pizzico di creatività e tanta pazienza, una camera da letto in una mansarda, può

diventare la zona più amata. Vediamo come. 

Una volta sistemata la parte strutturale, è possibile dare vita a deliziose camere da letto ricavate dalla mansarda. Trattandosi di un ambiente speciale, è importante rivestire l’ambiente con materiali idonei, come ad esempio il classico fascino del legno ma anche alla praticità del grès porcellanato.

Per quanto riguarda il mobilio, è importante sistemare il letto in una posizione comoda e far sì che tra le scale e il letto stesso vi siano un bel po’ di centimetri di distanza, per aumentare il livello di sicurezza e rendere la camera un vero luogo di riposo e di benessere.

Altro consiglio è quello di posizionare la testata del letto sulla parete più bassa, perché in questo modo, dove avrete la parete più alta sarà possibile inserire l’armadio, sempre ovviamente se lo spazio ve lo concede.

Per sfruttare al meglio gli spazi disponibili nel resto della mansarda, possiamo farci costruire degli armadi molto capienti che vanno progettati e sviluppati in base all’inclinazione del tetto. In questo modo, un armadio si viene a posizionare sull’intera parete, ma si sviluppa in orizzontale anzichè in verticale.

A proposito, farsi fare i mobili su misura progettando direttamente dentro la vostra stanza l’arredamento è la soluzione più azzeccata.

Tutti gli altri spazi interessati dall’inclinazione, vanno anch’essi sfruttati al meglio per posizionare altri mobili tipici di questo arredo, ad esempio dei mobiletti bassi che possiamo incastrare con facilità, magari di quelli componibili, per creare delle scale, in base all’altezza del tetto in ogni angolo.

Anche bauli e poltroncine basse possono essere facilmente adattabili ad una camera da letto in mansarda.

Il lampadario è un accessorio trascurabile: meglio applicare alle pareti faretti o altre luci, evitando il classico punto luce in mezzo alla stanza.

Se avete i lucernai, tipici delle mansarde, potete optare per dei tessuti particolari da utilizzare come tende e come elementi di arredo. In caso contrario, qualora aveste delle piccole finestre, potete scegliere di arredare con qualche piantina o, ugualmente, posizionare delle tende o anche dei cuscini.

I tappeti riscaldano l’ambiente, soprattutto se le tonalità delle pareti sono troppo fredde. Ricordate che con un po’ di carta da parati o qualche colore a contrasto potrete arredare la vostra stanza senza toccare nemmeno un centimetro in più.

Fonte: Casafan.it